spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB



La Libera Università dell’Autobiografia in data 10 ottobre 2015 è stata accreditata dall'Ordine Assistenti Sociali - Consiglio Nazionale, alla organizzazione di eventi formativi destinati agli Assistenti sociali. E questa è la comunicazione dell'Ordine in data 2 novembre 2015
 
Giovanni Barile e le 'sue' grappe Stampa
martedì 09 dicembre 2014
di Giorgio Macario

CHI L’AVREBBE MAI DETTO
L’incredibile storia di Luigi Barile e delle ‘sue’ grappe

Luigi Barile non è un semplice commercialista, non foss’altro perché per molti anni, complice la grande amicizia con Don Andrea Gallo, si è occupato di tutti gli aspetti fiscali riguardanti la Comunità di San Benedetto al Porto, che proprio oggi -8 dicembre 2014- festeggia il suo 44° compleanno alla Chiamata del Porto di Genova.
Luigi Barile, detto ‘Gino’, è un giovane ottantaduenne che pochi giorni fa a Genova, presso il Museo del Mare, ha voluto festeggiare il suo compleanno offrendo a tutta la città la visione di un documentario sulla sua vita intensa, appositamente realizzato dalla regista Wilma Massucco ed intitolato “CHI L’AVREBBE MAI DETTO. Storia di Luigi Barile (Gino per gli amici)”.
Introducono il documentario, con poche parole che ne tratteggiano le diverse specificità, sia un docente di storia moderna dell’Università di Genova, Ferdinando Fasce, che il dott. Flavio Gaggero, una figura ‘mitica’ nell’ambiente genovese, illustre dentista indifferentemente di VIP nazionali e di persone modeste che non possono permettersi di pagarlo.
Ma è lo stesso ‘Gino’ a riassumere con grande efficacia il suo percorso autobiografico, e le sue parole si intrecciano con le successive immagini del documentario.
A sei anni il padre abbandona sia lui che la madre e la sua fame di sapere nasce proprio da qui, abbinata ad una estrema ristrettezza dei più semplici mezzi di sussistenza. Ed è proprio in questo periodo che riceve un grande aiuto dalla mamma di Don Andrea Gallo, che era una Dama di San Vincenzo.
Praticamente solo, all’età di 8-9 anni è costretto ad abbandonare la scuola dopo la 3° elementare ed a cominciare ad impegnarsi in un numero impressionante di lavoretti ed occupazioni utili a sbarcare il lunario.
Ma non demorde, e fra un lavoro e l’altro in un solo anno supera 1°, 2°, 3°media e 1°, 2°, 3° ragioneria portando ben 17 materie all’esame. Certo per una tale impresa cerca sostegno presso un paio di persone che lo aiutano, ma in particolare, visto che ha la macchina e guida abitualmente proprio per il lavoro di rappresentante che fa, contatta un professore e lo accompagna tutti i giorni nel tragitto casa-scuola concordando come compenso…sintetiche lezioni utili ad una veloce acculturazione. Certo il tragitto tendeva un po’ ad allungarsi, commisurandosi alla ‘fame di sapere’, ma il professore era cortese e faceva finta di non accorgersene.
A Don Gallo è fraternamente affezionato e condivide con lui tutte le posizioni sul Concilio Vaticano II e sul primato della coscienza, così caro al Don. L’8 dicembre 1970 supporta la nascita della Comunità di San Benedetto e, una decina di anni più tardi, in particolare del ristorante A' Lanterna. Certo non è semplice fare l’amministratore di un locale dove il 1° gestore scappa con la cassa più di una volta. Così come non è stato agevole far fronte, nei primi tempi, alle continue visite della Finanza che ‘bersagliava’ la Comunità ipotizzando chissà quali coperture, data la costante presenza di tossicodipendenti. “Ma Don Gallo era sempre pronto a perdonare e a ridare fiducia a chiunque avesse momenti di debolezza. Era questa la sua grande forza”, dice Gino con gli occhi che gli brillano.
Durante i molti passaggi lavorativi, alla fine degli anni ’50 Gino conosce ai cantieri navali dell’Ansaldo l’amico Nino Bormida, ed è di fronte ai bicchieri di latte distribuiti al bar aziendale per contrastare i fumi delle vernici che i due amici, parlando del futuro e rievocando le audaci ideazioni di Leonardo Da Vinci, si ripromettono di distillare, un giorno, una grappa di qualità.
Passeranno molti anni, quasi venti, e il ragioniere Luigi Barile nel frattempo diventerà commercialista, aprirà lo ‘Studio Barile’, ma deciderà anche di realizzare un suo vecchio sogno: quando il suo cliente distillatore ‘Cianela’ Lasagna è costretto a chiudere la sua distilleria a Silvano d’Orba, chiama il suo vecchio amico Nino per rilevare insieme l’attività. Lo guida un desiderio ed una motivazione ideale, non certo economica.
Compra botti di rovere usate da produttori di whisky scozzese, cura meticolosamente tutto il ciclo produttivo, utilizza vinacce da agricoltura biodinamica e riesce a produrre una grappa unica “che piace anche alle donne” proprio per la sua morbidezza. Luigi Veronelli, nel 2002, la proietterà nel gotha dei distillati internazionali definendola ‘la più buona grappa prodotta in Italia’. Ma sarà anche premiata dalla prestigiosa giuria del premio Wine and Spirit e sarà utilizzata per ben due volte come presente ai Grandi della Terra, sia in Canada che in Italia in occasione dei rispettivi Summit internazionali, e si potrebbe continuare a lungo decantando i risultati raggiunti.
Ma a conferma della multiformità dei suoi interessi e del costante impegno civile che lo contraddistingue, nel poco tempo rimasto Luigi Barile preferisce accennare alle assemblee della Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, dove, difendendo i piccoli azionisti della Banca, denunciò con 7 anni di anticipo –nel 2007- le mille ruberie di cui i vertici della stessa banca stanno rispondendo proprio in questi mesi. Osservando mestamente: “In quegli anni i giornalisti della stampa facevano i portavoce, non davano certo notizie così scomode.”
Ed è a questo punto che in sala si spengono le luci e parte il documentario, che, pur pregevole, farà solo da cornice alle ultime parole di Gino che parlando della amatissima moglie Nuccia dice: “E’ lei che è stata capace di sintetizzare al meglio il mio impegno in distilleria, dicendo un giorno ad un giornalista: “Sa, non so se posso dirlo, ma sono convinta che mio marito sussurri agli alambicchi
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

spacer.png, 0 kB